Logo
focsiv

Sezione speciale dedicata al citizen journalism in collaborazione con la rete internazionale di blogger dal sud del mondo di GlobalVoicesOnline.


The source of articles is not selected. Please, check module settings.

The source of articles is not selected. Please, check module settings.


Vai agli articoli precedenti >

tizia ugandaProscovia Alengot Oromait eletta lo scorso settembre al parlamento ugandese, è la più giovane eletta in Africa. La sua nomina fra congratulazioni e polemiche.

bloggerlibiaSono trascorsi ormai sei mesi dall'inizio della rivolta in Libia. Com'era la blogosfera libica prima delle proteste partite il 17 febbraio, e com'è evoluta nel corso degli ultimi mesi?

di Fozia Mohamed

birmania[GLOBAL VOICES] Festeggiamenti per le strade e messaggi di soddisfazione su Internet per la schiacciante vittoria dell'opposizione - in particolare, di Aung San Suu Kyi e di uno dei fondatori della musica hip hop birmana.

di Chan Myae Khine

african-american-woman-computer[GLOBAL VOICES] In un Paese perlopiù descritto come conservatore, dove alle donne viene spesso ricordato quale sia il loro posto dicendo loro ciò di cui possono parlare apertamente e ciò di cui no; in una società che molti vedono come fosse ancora immersa in quella sorta di tunnel del tempo africano, Internet ha offerto un’inestimabile piattaforma per discutere certi argomenti che altrimenti rimarebbero tabù. Dopotutto, questo è lo Zimbabwe, il cui presidente è universalmente conosciuto per le sue ferme opinioni contro questioni quali l’omosessualità.

putin[GLOBAL VOICES] Domenica 26 febbraio una catena umana si è formata lungo i 16 km dell'Anello dei Giardini. In questo modo il gruppo "Grande cerchio bianco" ha voluto far sentire la sua voce contro la corruzione e a favore di elezioni trasparenti e pulite (le Presidenziali del 4 marzo).

di Veronica Khokhlova

censura-400x600Nonostante la censura imposta alla gran parte degli organi di comunicazione russi sia da sempre una costante, una recente lettera firmata dai reporter dell’emittente privata REN TV ha dimostrato come anche una piccola oasi di libertà possa essere spazzata via da uno tsunami di paranoia politica.

 

Di Vadim Isakov

Sivia Presidencia

Silvia Carrera ha deciso di coltivare la terra. Coltivava otoe, riso, fagioli, mais per dare da mangiare ai figli. Ma non ha mai smesso la militanza nel gruppo indigeno di Ortega, dedicandosi con pari dedizione all'impegno politico e ai figli. Per questa madre la priorità è stata quella di insegnare loro “l'importanza di lottare per i propri diritti chiedendo di essere rispettati”.

 

di Ariel Moreno

giappone-terremoto-tsunami_650x435In seguito al terremoto che ha devastato il Giappone l’11 marzo, con il passare del tempo la popolazione giapponese avverte il bisogno di tornare alla normalità e di lasciarsi il disastro alle spalle. Se per chi ha perso la casa e le persone amate quest’impresa sarà difficile, per coloro che hanno avuto più fortuna è forte il desiderio di partecipare alla rinascita economica del Paese.

marocco-principe-mulay-hicham-rabat-non-far-eccezione-1Giovedì 29 settembre scorso, il presidente francese Sarkozy ha presenziato in Marocco all'avvio dei lavori per la costruzione del nuovo collegamento ferroviario del tipo TAV [it] tra le città di Tangeri e Casablanca. Il treno ad alta velocità francese dovrà iniziare ad essere operativo entro dicembre 2015 ed ha un valore stimato di 20 miliardi di diram (2,4 miliardi di dollari statunitensi). 

giappone_freeIl terremoto che ha colpito il Giappone è diventato una tragedia per il mondo intero. Infatti, persone di diversi Paesi e continenti si sono offerte di aiutare concretamente le vittime del sisma, che ha causato la morte di migliaia di persone.

 

Di Ruslan Trad

ellenjohnson18La pioniera è Ellen Johnson-Sirleaf, che nel 2006 è stata eletta presidente della Liberia, diventando così la prima donna africana a ricoprire la più alta carica politica. Da allora, molte altre donne africane hanno deciso di candidarsi alle elezioni presidenziali in Benin, Camerun, Ghana, Guinea, Repubblica Democratica del Congo e Niger.

di Lova Rakotomalala