Logo
focsiv
Condividi

E' successo nuovamente, l'ampolla si è aperta ed un germe del consumo critico è scappato dalla coltura per diffondersi nell'aria.

Andrea Saroldi in Manualetto di Benvivere

LaCappelletta

- www.lacappelletta.it -

 

Questa volta è stato il terremoto a rompere la bottiglia. Le foto dei magazzini danneggiati hanno fatto il giro del web con la loro capacità di smuovere l'osservatore; la formula dell'acquisto diretto dai produttori, allevata negli anni dai Gas, è robusta ed il contesto è favorevole. Ci sono tutti gli elementi perché il comportamento superi il punto critico e si propaghi rapidamente per forza propria. Come scrive Comune.info: "Acquistare il parmigiano caduto in terra a causa delle scosse che hanno reso inagibili i caseifici che lo producevano è una di quelle uova di Colombo che senza la diffusione delle pratiche dell’economia solidale non avrebbero mai lasciato i pollai".

La mobilitazione si è attivata, i primi caseifici a lanciare l'appello hanno già esaurito le scorte di Parmigiano danneggiato e devono dire di no a chi chiede ancora, altri caseifici non riescono a stare dietro alle richieste, il telefono continua a squillare e la casella mail è intasata. I caseifici chiedono di pazientare, come racconta il resoconto della associazione Prober che insieme ad AIAB Emilia-Romagna ha deciso di andare a visitare alcuni caseifici colpiti dal sisma per capire come muoversi. Qualcosa è scattato, e il meccanismo si è mosso in modo diffuso senza la necessità di una regia centrale. Chi vuole seguire gli aggiornamenti può guardare il sito del Consorzio del Parmigiano Reggiano oppure quello di Prober.

I cittadini si trovano così coinvolti in questa forma un po' particolare di solidarietà in cui si acquista un prodotto ottimo pagandolo meno che al supermercato e sentendosi pure di avere fatto qualcosa di buono. I caseifici chiedono di continuare il sostegno anche superata l'emergenza, e non sono solo i caseifici ad avere subito danni (vedi cosa sta organizzando il CRESER). Vedremo tra un po' quanti altri focolai di relazione diretta con il produttore si saranno attivati; le premesse ci sono tutte.