Logo
focsiv
Condividi

Nell'ultimo anno il consumo domestico di corrente elettrica era stranamente aumentato. Anche se avevo qualche indizio, non sapevo a cosa imputare il fatto.

Andrea Saroldi in Manualetto di Benvivere

Frigo_205

Pensavo ai figli che crescono e ad altre amenità di questo tipo. In effetti il nostro vecchio frigorifero, uno degli ultimi cimeli del matrimonio (conta oramai 18 anni), attivava la pompa un po' troppo sovente. Già da qualche mese parlavamo di sostituirlo, ma ci mancava lo slancio per passare all'azione.

Un giorno ho scoperto che esistono dei misuratori di consumo di corrente elettrica che si possono inserire tra la presa di corrente e la spina di un apparecchio per misurarne il consumo. Sono disponibili alcuni modelli, come il modello ESM80 della Oregon Scientific oppure il modello PM300 prodotto da RCE. Ne ho trovato uno in un negozio, lo vedete nella foto all'opera in cucina, e sono passato alla raccolta delle prove.

A quel punto il cerchio di sospetti si è stretto intorno al vecchio frigorifero, e quando ho presentato le prove a mia moglie ogni resistenza è stata superata. Ora nella nostra cucina abita un nuovo frigorifero, categoria A+. Il frigo nuovo consuma un terzo di quello vecchio; misurando il consumo e facendo i conti scopro che entro 7 anni ci saremo ripagati il costo del frigorifero grazie al risparmio di corrente.

Quando ci chiediamo come fare a ridurre il consumo domestico, spesso non è facile capire da che parte iniziare. Uno strumento di questo tipo ci permette di misurare ogni singolo apparecchio prima di decidere dove intervenire tra stand-by, apparecchi elettronici ed elettrodomestici.

Si tratta di piccole cose, ma la rubrica è dedicata anche a questo tipo di esperienze e consigli. Può anche essere una proposta per un Gas o un gruppo dei Bilanci di Giustizia di acquistare uno di questi misuratori in gruppo e passarselo tra le famiglie.