Logo
focsiv
Condividi

googleSOPA e PIPA, il lato oscuro della rete: lo sciopero di Wikipedia e di molti altri portali web, oggi inacccessibili per protesta contro i disegni di legge che potrebbero censurare i contenuti generati dagli utenti. Tutto in nome di una difesa "a oltranza" del diritto d'autore da parte dell'industria dell'intrattenimento.

A VpS crediamo irrimediabilmente di poter cambiare il mondo con il web. Ne abbiamo anche fatto lo slogan della nostra iniziativa ONG 2.0 e da un po' di mesi a questa parte raccogliamo buone pratiche di organizzazioni non governative e non profit che fanno di internet e del web 2.0 lo strumento per migliorare le condizioni di vita nelle realtà in cui operano. Abbiamo raccontato di come attivisti di molti paesi del mondo, tra cui i blogger sauditi, i citizen journalist africani e gli egiziani protagonisti della primavera araba abbiano usato la rete per divulgare informazioni e organizzare le proteste contro regimi opprimenti. Ma tutto questo fermento potrebbe affievolirsi se gli Stati Uniti dovessero approvare il SOPA (Stop Online Piracy Act) e il PIPA (Protect IP Act), facendo emergere quello che Nicholas Carr ha definito il "lato oscuro della rete".

Contro l'approvazione di questi atti oggi 18 gennaio molti siti internazionali, tra i quali anche Wikipedia, hanno dichiarato "sciopero" attraverso l'oscuramento delle proprie pagine web. Anche in Italia alcuni siti internet hanno deciso di aderire alla protesta per attirare l'attenzione su una questione che riguarda anche noi.  Global Voices spiega ad esempio di aver aderito a un'iniziativa di “auto-oscuramento” per quanto riguarda il portale Advocacy perchè "il nostro timore è che queste norme finiscano per danneggiare in modo irreparabile l'impegno degli attivisti digitali che vivono sotto regimi repressivi in varie regioni del mondo."  

Anche Reporter Sans Frontières ha spento il sito in lingua inglese a sostegno della protesta "a simboleggiare il bavaglio oppressivo che si diffonderebbe su Internet se fossero adottatti SOPA e PIPA nella loro forma attuale (...). Questi progetti di legge incidono su un numero incalcolabile di utenti Internet che non hanno nulla a che fare con le violazione della proprietà intellettuale".

Chi è a favore della legge: 

Chi ritiene di subire danni dalla violazione del copyright. I cosiddetti "estremisti della proprietà intellettuale”, come aveva definiti Lawrence Lessig, che agiscono come lobby facendo pressioni sui governi (non solo quello americano, basta ricordare i recenti tentativi dell'AgCom per presentare una legge "bavaglio" per censurare presunte violaizoni del copyright), per "saltare il potere giudiziario per governare privatamente la protezione del copyright", come viene spiegato in questo articolo de Il Post.

Chi è contro

Moltissime società tra le quali Google, Yahoo, Amazon, eBay, PayPal e Wikipedia, riunite in una NetCoalition per coordinare la protesta e l'eventuale black out dei loro siti internet per mobilitare l'opinione pubblica internazionale.

Cosa potrebbe accadere:

Come per la legge bavaglio, anche il Sopa potrebbe limitare il funzionamento di siti web che si basano sul materiale pubblicato dagli utenti (come Twitter, Tumblr, YouTube, Facebook e tutti i social network...) obbligandoli a controllare preventivamente le pubblicazioni (anche se una soluzione del genere è surreale, se si pensa che ogni minuto su YouTube vengono inseriti video per un equivalente di 48 ore di proiezione), e spingendoli alla censura in caso di violazione del copyright.

Il video che segue mostra in modo chiaro il funzionamento del SOPA se la sua approvazione diventerà realtà:

PROTECT IP / SOPA Breaks The Internet from Fight for the Future on Vimeo.

Come aderire alla protesta:

La petizione di Google

Il comunicato stampa di Wikipedia

Scarica il simbolo Stop Sopa per il tuo sito internet o blog

Aggiornamento: anche in Italia si può aderire allo sciopero e segnalare la propria partecipazione attraverso questi due moduli:

1. Adesione/oscuramento del proprio sito internet

2. Adesione con il SOPABlackOut, uno sciopero Twitter di 12 ore

Per approfondire:

Cos'è il SOPA

Se Google e Facebook chiudono per sciopero 

Il blackout del web contro la 'censura online' #SOPA #SOPAstrike

Newsletter

 

Corsi e webinar di Ong 2.0

Lavorare nella cooperazione internazionale, il nuovo percorso di formazione 2017

outdoor-1807522 1
Dal risk management nei Paesi a rischio, all’amministrazione di un progetto; dal Project Cycle management, all’approccio di genere fino alle…